Cosa sono le cimici?

Le Cimici dei letti
Le cimici dei letti sono insetti ematofagi, si nutrono di sangue, preferibilmente umano, ma in alcuni casi possono anche attaccare animali domestici e uccelli. Solitamente stabiliscono le loro colonie nella struttura del letto, nelle cuciture del materasso, dietro i battiscopa e in fondo a qualsiasi fessura o intercapedine, il più vicino possibile al punto in cui gli esseri umani dormono. Quando le luci si spengono escono dai loro nascondigli e si dirigono velocemente verso la vittima, attratti dal calore del corpo e dalle emissioni di anidride carbonica e acido lattico.

 Una volta raggiunta la loro vittima mordono e nutrendosi del loro sangue, dopo di che si nascondono di nuovo, ma non necessariamente, nello stesso luogo, con la possibilità che scelgano bagagli o vestiti. E’ in questo modo che verranno portate in giro diffondendosi.
 Il morso non è in realtà doloroso e di solito passa inosservato, ma poco dopo, si può sentire una sensazione di forte prurito e si formerà una lesione. I sintomi possono durare parecchi giorni, poichè le reazioni allergiche possono variare da una persona all'altra. Ogni femmina può deporre da 200 a 500 uova durante tutta la sua vita. Il tempo di schiusa può variare, a seconda della temperatura dell'ambiente, e può andare da un minimo di una settimana ad un massimo di un mese. Le Cimici giovani (neanidi) hanno le stesse abitudini alimentari degli adulti, in pochi mesi crescono raggiungendo la fase fertile.

 Tutti questi fattori contribuiscono alla sviluppo di una infestazione massiccia in un tempo molto breve e di solito sono molto resistenti ai pesticidi normali. A ciò si aggiunga che possono spostarsi a distanze considerevoli (fino a 30 metri) per nutrirsi, oltre ad essere in grado di digiunare per lunghi periodi di tempo, fino a 12 mesi e in alcuni casi più rari anche più a lungo.
 Una volta che l'infestazione è iniziata le soluzioni "fai da te" non sono efficaci, considerando che le uova sono resistenti ai pesticidi. Nemmeno tutti i pesticidi professionali hanno alcun effetto su di loro.  

La Cimice dei letti appartiene all'ordine del Heteropterans e alla famiglia delle "Cimidae". Hanno il tipico torace a forma di cuore, che è estremamente piatto se non hanno ancora mangiato. La testa è corta e larga. Il rostro, tipica degli emitteri, nelle cimici si è evoluto in un pungiglione corto nella parte anteriore della testa, che possono nascondere sotto il torace, divenendo quasi invisibile.
 
Le Cimici dei letti non sono insetti solitari, vivono in comunità miste di maschi e femmine, mai troppo lontano dalle loro vittime.  Le femmine, dopo aver mangiato (un processo che dura 5-15 minuti in cui possono succhiare il sangue fino a 7 volte il loro peso) si nascondono di nuovo per deporre le uova (da 1 a 5 durante il giorno). Possono deporre 200/300 uova in 2/3 mesi.
 Le uova sono di un colore grigio perlato e misurano da 1 mm a 1,5 mm. Si schiudono in 6-9 giorni a temperature normali, mentre quando fa freddo possono richiedere più tempo. Le ninfe (cimici giovani) cambia pelle 5 volte fino a diventare adulti pienamente sviluppati in circa un mese.
 Morfologicamente le ninfe sono simili agli adulti, solo più piccole e di n colore più chiaro. In tutte le fasi della loro esistenza si nutrono di sangue
 
Le cimici dei letti preferibilmente attaccano gli esseri umani, ma in alcuni casi possono anche attaccare animali domestici come cani, preferibilmente giovani, gatti e piccoli roditori.
 A differenza dei pidocchi non hanno bisogno di una temperatura stabile, così possono restare su pelliccia e vestiti allo stesso modo, anche se non vivono su di essi, ma si muovono e rimangono su di loro per il tempo necessario a nutrirsi.
 
Sopravvivono a temperature basse,  ma quando è freddo praticamente interrompono le loro normali attività. Anche se sensibili alle alte temperature, quando esposte al sole muoiono in pochi minuti. Il freddo intenso può avere lo stesso effetto, soprattutto quando vi è rapida diminuzione della temperatura non sopravvivono.
 
E 'quasi impossibile sentire il loro morso perché iniettano un anestetico, ma il seguito è estremamente fastidioso, provocando lesioni pruriginose che possono diventare visibili anche dopo 9 giorni.
 Si muovono e mangiano di notte, guidate dall'olfatto. Alcuni odori sono più attraenti di altri per loro, questo è il motivo per cui sono attratte da alcune persone e non da altre.
 Sono corridori veloci, si arrampicano sui letti e raggiungono velocemente la testa dell’ospite, in cui il sangue è facilmente raggiungibile, così come i polsi, le caviglie, il collo, le spalle e il viso.
 
Come rilevare la loro presenza
 
Controllare attentamente tutte le zone nascoste dove l'infestazione può risiedere in cerca di adulti, giovani e uova. Le loro feci sono utili per individuare il loro nascondiglio. Si tratta di macchie ferruginose, piccole e arrotondati con un odore nauseabondo caratteristico.

 

Compila subito il form per avere un preventivo gratuito!!