ZANZARE:

Il trattamento zanzaricida è perlopiù stagionale, viene effettuato tra il mese di marzo ed il mese di ottobre con interventi quindicinali.

Nel caso delle zanzare, come degli altri infestanti, è importante identificare preventivamente i potenziali focolai nei quali potrebbero svilupparsi le larve. Si tratta di ristagni d’acqua, tombini, pilette, ecc.

Il primo step consiste quindi nel trattamento antilarvale, ovviamente a livello del suolo, con prodotti insetticidi più o meno persistenti, in funzione dell’impatto che potrebbero avere sull’ecosistema locale. La maggior parte degli insetticidi è efficace contemporaneamente anche su larve di mosche e pulci; in alternativa, qualora lo si ritenga opportuno, si possono utilizzare dei “cocktails” che soddisfino le necessità. I periodi in cui si esegue il trattamento antilarvale è tra marzo e aprile e successivamente tra luglio e agosto, in funzione delle condizioni meteorologiche.

La seconda fase consiste nel trattamento adulticida, ovvero nell’irrorazione di cespugli, arbusti e piante. L’intervento viene eseguito periodicamente nei mesi caldi e in modo meno frequente nei mesi invernali nelle zone ove si siano riscontrate, nella precedente stagione, alte concentrazioni di femmine svernanti, ad esempio in zone calde e umide. Oltre i 5-6 metri di altezza generalmente non è utile irrorare, poiché la maggior esposizione alle correnti non favorisce lo stazionamento degli insetti volanti.





- Larve rosse di zanzara. Nella prassi del monitoraggio è utile sottoporre ad esame un campione di acqua prelevata da focolai potenziali

 

Compila subito il form per avere un preventivo gratuito!!